NEWS DAL SETTORE

  • Contrasto alla ludopatia, Astro scrive al premier Draghi: "Osservatorio sul gioco non imparziale, serve la partecipazione degli operatori"
    on 17 Settembre 2021

    ROMA - Includere una rappresentanza degli operatori di gioco nell'Osservatorio sul gioco patologico del Ministero della Sanità, per garantire maggiore trasparenza sulle decisioni dell'organismo. È quanto chiede l'associazione As.tro in una lettera inviata al premier Mario Draghi, al Ministro della Salute Speranza, al Ministro dell'Economia Franco, al direttore generale Adm Minenna e ai capigruppo di Camera e Senato. L'associazione richiama in particolare la nota del Ministero della Salute, diffusa a luglio alle regioni con raccomandazioni e restrizioni per il settore del gioco pubblico post-lockdown. «Ci siamo chiesti quali fossero gli elementi obiettivi tali da giustificare un simile intervento straordinario», scrive il presidente As.tro, Massimiliano Pucci, considerando che «l'impatto delle misure raccomandate con la nota va valutato tenendo presente che le stesse andrebbero ad incidere sulla già faticosa ripartenza di attività», dopo il lockdown di 343 giorni tra marzo 2020 e giugno 2021. L'associazione aveva chiesto accesso agli atti per capire quali indagini fossero alla base della comunicazione dell'Osservatorio, parte del Ministero della Salute. «Tra la documentazione inviataci non c'è invece nessun documento attestante un'indagine istruttoria compiuta dall'Osservatorio i cui esiti potessero giustificare un intervento straordinario di tale portata». Secondo As.tro, quindi, «siamo di fronte a un vero e proprio blitz perpetrato ai danni delle imprese del nostro settore». Una vicenda che per l'associazione «offre lo spunto per sollevare dei dubbi sul funzionamento e sul ruolo dell'Osservatorio ma soprattutto sul grado di neutralità e di rigore scientifico che caratterizza il suo operato». Una questione strettamente legata al dibattito sul gioco legale, contro cui «continua a scagliarsi una parte della politica e della società civile, ispirate da ragioni etico- ideologiche». La vicenda dell'Osservatorio «offre una limpida testimonianza del cortocircuito» che non tiene conto del bilanciamento «tra esigenze sanitarie, di ordine pubblico ed imprenditoriali». Per questo secondo As.tro «sarebbe opportuno che venisse mutata anche la natura stessa dell'Osservatorio, in modo tale da trasformarlo in un vero e proprio organo consultivo, la cui attività sia improntata alla ricerca, da svolgere con rigoroso e imparziale metodo scientifico, di strategie (in ambito medico, sociologico ed educativo) per governare un fenomeno patologico (qual è la dipendenza da gioco d'azzardo) la cui sconfitta non passerà certo per l'eliminazione delle imprese che svolgono l'offerta legale di gioco». Per realizzare ciò, conclude l'associazione, «riteniamo che la presenza di una rappresentanza degli operatori di gioco potrebbe garantire agli imprenditori del nostro settore anche un maggior grado di “trasparenza” rispetto alle decisioni che li riguardano». RED/Agipro

  • Decreto Green Pass: via libera del Consiglio dei Ministri, dal 15 ottobre scatta obbligo per lavoratori pubblici e privati
    on 17 Settembre 2021

    ROMA - Il Consiglio dei Ministri ha approvato, con un sì unanime, il cosiddetto decreto Green Pass, che introduce misure urgenti tra cui in particolare l'estensione della certificazione verde ai lavoratori del settore pubblico e privato a partire dal prossimo 15 ottobre. Nel decreto sono compresi anche i lavoratori delle sale giochi, in quanto facenti parte di quella categoria che svolge attività di lavoro dipendente o autonomo nel settore privato. Un lavoratore che non sarà in possesso di green pass sarà considerato sospeso, senza conseguenze disciplinari e mantenendo il diritto alla conservazione del rapporto di lavoro. Saranno i datori di lavoro a verificare il rispetto delle prescrizioni. Entro il 15 ottobre, inoltre, si devono anche definire le modalità per l'organizzazione delle verifiche. In caso di violazione dell'obbligo, sono previste per i lavoratori del settore privato multe da 600 a 1500 euro, mentre per i datori di lavoro che non dispongono controlli, le sanzioni previte vanno dai 400 ai 1000 euro. RED/Agipro

  • Giochi, Adm: scoperte a Salerno quattro slot machine illegali
    on 17 Settembre 2021

    ROMA - Nuova operazione contro il gioco illegale dell'Agenzia Dogane e Monopoli. I funzionari Adm della Campania, insieme alla Direzione Giochi – Ufficio Controlli Giochi e alla Guardia di Finanza, hanno scoperto a Salerno quattro slot machine prive di validi codici identificativi, nonché di validi nulla osta di messa in esercizio e di distribuzione. È quanto si legge in una nota Adm. Gli apparecchi collegati alla sola rete elettrica e funzionanti, non risultavano connessi alla rete telematica di controllo e non consentivano la lettura dei dati relativi alle somme giocate. RED/Agipro  

  • Rendiconto 2020 e Assestamento 2021, Camera: via libera della Commissione Bilancio
    on 17 Settembre 2021

    ROMA - La Commissione Bilancio della Camera ha approvato il Rendiconto generale dell'Amministrazione dello Stato per l'esercizio finanziario 2020 e le Disposizioni per l'assestamento del bilancio dello Stato per l'anno finanziario 2021. Il Rendiconto - lo strumento attraverso il quale il Governo adempie all'obbligo costituzionale di rendere conto al Parlamento dei risultati della gestione finanziaria - rileva una «diminuzione degli stanziamenti relativi agli aggi e alle vincite per giochi, scommesse e lotterie (-3,9 miliardi)» nel 2020. Nell'Assestamento di bilancio - la legge presentata dal Governo per variare gli stanziamenti di entrata e di spesa iscritti nel bilancio dello Stato - si evidenziano invece «maggiori introiti previsti nel settore dei giochi, che complessivamente aumentano di circa 2.300 milioni di euro». I due provvedimenti passano quindi all'esame dell'Aula. LL/Agipro